Una richiesta di aiuto

Una richiesta di aiuto

Ganthier 16 marzo 2010

Oramai è un mese che sono ad Haiti e la situazione è davvero drammatica sia sotto il profilo alimentare che sotto quello della messa in sicurezza dei campi profughi che sono centinaia; solo un popolo abituato ad enormi sofferenze può sopportare l’insopportabile come stanno facendo gli haitiani che hanno ancora la forza di sorriderti.

Praticamente tutti gli aiuti sono concentrati a Port au Prince e a Croix de Bouquet ma, purtroppo, i profughi sono sparsi per tutto il paese e ci sono aree dove non arriva alcun aiuto o arrivano in quantità assolutamente insufficiente.

I governi stanno ritirando le missioni militari e sul campo restano solo le ONG che, ciascuna con le proprie forze cerca di fare il possibile.

Io sto lavorando come responsabile di missione in appoggio ad una ONG  dominicana (Tinglar) e abbiamo deciso di spostarci di circa 60 Km ad Ovest di Port au Prince nella regione che ha come capoluogo Ganthier.

E’ una zona semidesertica dominata da due grandi laghi, bellissimi ma salati per cui ….. inutilizzabili; abbiamo accettato la gestione di tre campi profughi con circa 5.000 persone ospiti, nonché la presa in carico – sotto il profilo alimentare e sanitario – di tre comunità rurali (la più lontana a tre ore di fuoristrada dalla via asfaltata) con ulteriori 5/600 persone che gravitano su di esse.

Fra tre mesi arriverà la stagione delle piogge e degli uragani ed il nostro sforzo è quello di riuscire, nel tempo che manca, a coprire i ripari di fortuna con una struttura impermeabile,  a costruire almeno 50 latrine nei campi, dotarli di acqua potabile (3 litri al giorno a persona) e garantire sanitizzazioni ricorrenti al fine di evitare il rischio colera che andrebbe a sommarsi alla malaria ed alla dengue che sono endemiche.

A questo deve essere sommata l’assistenza sanitaria, soprattutto alla moltitudine di bambini e di donne incinte (la più giovane che ho incontrato in una comunità rurale ha 12 anni ma, sembra, che qui sia …… normale vista l’assoluta promiscuità) e il supporto alimentare a circa 6.000 persone.

E’ un lavoro immenso e siamo solamente 5: due volontari dominicani, una dottoressa dominicana, un volontario haitiano, ed io. La sera non ho certo bisogno di stimoli a dormire anche perché la mattina la sveglia è alle 5,30 per sfruttare al meglio le ore di luce.

Stanco ma fortemente motivato e basta un sorriso per ridarti la carica e di carica ne ho bisogno per stare qui fino a metà settembre.

Vi mando la tabella della composizione alimentare che distribuiamo alle persone dalla quale si vede, oltre a cosa distribuiamo, anche il costo che, per gli adulti è di 87 centesimi di Euro al giorno e per i bambini di 84 centesimi di Euro.

Nulla, davvero nulla, ma moltiplicato per circa 6.000 pasti diventa una somma grande per le spalle di una piccola ONG (circa 5.000 euro al giorno).

Coprire 5 metri lineari di rifugi provvisori, attualmente in stoffa e legno costa  circa 400 euro, attrezzare una piazzola per la distribuzione di acqua con serbatoi da 3.000 litri ciascuno costa circa 15.000 Euro. Se a questo aggiungiamo il costo dei disinfettanti, dei cloranti, delle costruzioni fisse (cucine comuni e latrine), raggiungiamo costi che stanno diventando non più sopportabili senza altri fondi a disposizione.

Siamo alla scelta se continuare a distribuire il cibo o continuare il lavoro di copertura dei ripari, del piazzamento delle cisterne per la potabilizzazione dell’acqua e tutto quanto ti ho descritto prima.

Ti chiedo di aiutarmi a raccogliere fondi pur sapendo che è un compito è improbo e lungo.

Chiedo scusa di questa mail ma ho bisogno di aiuto. So che le richieste probabilmente arriveranno da tutte le parti e per le cose più varie ma qualunque scelta dovessimo fare (sospendere la distribuzione di pasti o non mettere in sicurezza i campi) sarebbe davvero pesante per questa gente.

La scelta fatta è quella di fare transitare il denaro direttamente per mio tramite su un conto appositamente aperto sulla principale banca della Repubblica Dominicana in maniera che io personalmente possa fornire tutte le garanzie di come esso viene speso e sia in grado di fornire i dettagli delle singole spese.

Qualunque cosa si possa ottenere, per piccola che sia, è comunque una goccia che serve a riempire questo vaso da cui, in continuazione dobbiamo attingere.

ADULTI

TIPOLOGIA ALIMENTO QUANTITA’ RAZIONE K/CAL TOTALI COSTO UNITARIO IN RD$ COSTO UNITARIO IN € COSTO RAZIONE IN RD$ COSTO RAZIONE IN €
in grammi
RISO 150 547,50 RD$38,80 € 0,80 RD$5,82 € 0,12
FAGIOLI NERI SECCHI 200 682,00 RD$59,51 € 1,24 RD$11,90 € 0,25
SARDINE SOTT’OLIO 125 260,00 RD$0,50 € 0,18 RD$0,50 € 0,18
ARINGA INTERA AFFUMICATA 30 66,00 RD$19,29 € 0,40 RD$5,79 € 0,12
OLIO DI SEMI 100 884,00 RD$15,97 € 0,34 RD$7,98 € 0,17
SALE FINO MARINO 50 0,00 RD$23,64 € 0,49 RD$1,18 € 0,03
TOTALI 2.439,50 RD$33,17 € 0,87
BAMBINI
RISO 100 365,00 RD$38,80 € 0,80 RD$3,88 € 0,08
FAGIOLI NERI SECCHI 100 342,00 RD$59,51 € 1,24 RD$5,95 € 0,13
SARDINE SOTT’OLIO 125 260,00 RD$0,50 € 0,18 RD$0,50 € 0,18
OLIO DI SEMI 50 442,00 RD$15,97 € 0,34 RD$3,99 € 0,17
SALE FINO MARINO 25 0,00 RD$23,64 € 0,49 RD$0,50 € 0,02
SUB TOTALI 400 1.409,00 RD$14,82 € 0,58
BURRO DI ARACHIDI 25 147,25 RD$172,43 € 3,60 RD$4,31 € 0,09
PANE 20 54,20 RD$30,00 € 0,63 RD$0,60 € 0,02
LATTE DI SOYA 100 206,00 RD$72,00 € 1,50 RD$7,20 € 0,15
TOTALI 545 1.816,45 RD$26,93 € 0,84

Maurizio Boganelli

Lascia un commento